Renault Captur 1.3 TCe 150 Sport Edition2

  • Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport Edition
  • Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport Edition
  • Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport Edition
  • Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport Edition
  • Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport Edition
  • Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport Edition

La Renault Captur ha attirato il pubblico sin dalla sua introduzione, grazie ad una estetica piacevole e a dei contenuti intelligenti. D’altronde, non è un segreto che il segmento dei B SUV sia letteralmente esploso negli ultimi anni; ma in questo, la Renault Captur ha rappresentato un esempio più unico che raro, riuscendo a soddisfare le esigenze della propria clientela in maniera quasi impeccabile. Oggi noi la proviamo con il nuovissimo motore 1.3 TCe da 150 cavalli abbinato al cambio automatico a sei marce.


TUTTO AL POSTO GIUSTO

La Renault Captur eredita dalla sorella minore Renault Clio un livello di ergonomia assai elevato che si riscontra immediatamente salendo a bordo del piccolo B SUV: il quadro strumenti avvolgente con contagiri di grandi dimensione, la consolle centrale con comandi semplici, Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport Editionla posizione di guida ottimale e i sedili di guida ben sagomati fanno parte dei punti di forza della piccola francesina. Piacevoli anche le finiture dell’abitacolo, con plastiche morbide al tatto ed elementi decorativi satinati presenti sulla leva del cambio e sui pannelli delle portiere. Non manca neppure lo spazio per i passeggeri posteriori che, se non troppo alti, non si troveranno a dover sacrificare le gambe al di sotto dei sedili anteriori; certo, meglio viaggiare in 4 che in 5, date le ridotte dimensioni della vettura.

Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport EditionAll’esterno, questa versione Sport Edition2 vede i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, la tinta Be-Style bicolore assai elegante, i cerchi in lega diamantati da 16 pollici e i fari Full LED che aiutano tanto soprattutto durante la guida notturna. Lo stile complessivo è quello sbarazzino a cui la Renault Captur ci ha abituato in questi quattro anni di carriera, con piccoli ritocchi che hanno contribuito a mantenere fresco lo stile della vettura.


POTENZA A VOLONTÀ

Il nuovo motore 1.3 TCe che abbiamo provato sulla Renault Captur vede una potenza di 150 cavalli; abbinato al cambio automatico a doppia frizione EDC, rappresenta il top della gamma del piccolo B-SUV della losanga. Il valore di coppia massima di 250 Newtonmetri viene raggiunto a 2.250 giri al minuto, mentre i consumi medi dichiarati nel ciclo misto sono inferiori a 6 litri per 100 chilometri.

Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport EditionI risultati di efficacia ed efficienza sono stati raggiunti utilizzando tecnologie di costruzione moderne come il Bore Spray Coating, una tecnica di rivestimento delle canne dei cilindri che migliora l’efficienza riducendo gli attriti ed ottimizzando la conduttività termica. A questo si associa l’iniezione diretta di benzina da 250 bar di pressione e la tecnologia Dual Variable Timing Camshaft che gestisce le valvole di aspirazione e di scarico offrendo la fasatura variabile su entrambi i lati del motore.

Infine, il motore 1.3 TCe vede l’introduzione del FAP (filtro anti-particolato); un requisito essenziale sui motori ad iniezione diretta secondo gli ultimi regolamenti antinquinamento.


COME VA?

Iniziamo dal motore, vera e propria novità di questa Renault Captur. Il 1.3 TCe spinge molto bene, accompagnato dal cambio a doppia frizione che snocciola le marce con disinvoltura. Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport EditionIl rumore è sempre contenuto, ma diventa quasi sportivo quando ci si dà dentro con il pedale dell’acceleratore, senza diventare ruvido. Attenzione, però, perché “aprendo” completamente l’acceleratore, la Renault Captur raggiunge in fretta velocità molto elevate; e avendo la vettura un assetto assai turistico, è meglio afferrare saldamente il volante quando si richiedono le massime prestazioni.

Durante la guida tranquilla, invece, la vettura emerge per la paciosa accompagnatrice che è, portando i suoi passeggeri a destinazione con una abbondante riserva di potenza e con gran comfort. Dalla generazione uscente di Renault Clio, Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport Editionquesta Captur eredita inoltre uno dei punti di forza della piccola francese: il suo sterzo, assai diretto e dalla notevole precisione. Fattore questo raro da ritrovare all’interno di un veicolo appartenente alla categoria dei B-SUV.

Coloro i quali avessero bisogno di affrontare un piccolo sterrato saranno felici di sapere che la Renault Captur Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport Editionfa sfoggio del dispositivo Extended Grip, il sistema elettronico di controllo della trazione che utilizza la centralina dell’ESP per distribuire la coppia alle due ruote motrici su fango e neve. Non è disponibile, però, un modello con trazione integrale 4×4; però visto il target di vendita e il prezzo a cui viene proposta, l’Extended Grip rappresenta una valida aggiunta che certamente aiuta a disimpegnarsi dai passaggi più complicati.


IN CONCLUSIONE

La Renault Captur, come la sua sorella Clio, sta volgendo a fine carriera; pochi giorni fa, infatti, la firma della losanga ha presentato la nuova generazione del B-SUV (che però non arriverà sulle nostre strade prima di qualche mese). Nel frattempo, è bello vedere che un classico ed un best-seller viene aggiornato con motori moderni, performanti e parchi: nello specifico, la versione da 150 cavalli dichiara una velocità massima di 210 chilometri orari (fin troppi dato il tipo di veicolo, direbbe qualcuno), con consumi da noi rilevati di 14 Km/L di media senza guidare con troppa parsimonia.

Renault Captur 1.3 TCe 150 EDC Sport EditionGli unici veri difetti della Renault Captur forse stanno nell’assenza completa del protocollo di mirroring Apple Carplay (è disponibile Android Auto sul sistema R-Link Evolution) e nel fatto che ancora una volta Renault ha optato per posizionare i comandi del cruise control sul tunnel centrale; operazione, questa, che richiede di distrarsi dalla guida per abilitare il controllo di crociera. Per il resto, con un baule così ampio ed un motore turbo benzina tanto progressivo e brioso, non abbiamo null’altro di cui lamentarci.

Autore dell'articolo: Amministrazione Web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *